Artigianato e Bomboniere

Scopri le nostre ultime crezioni. Tutti gli oggetti sono accuratamente realizzati e dipinti a mano dai nostri volontari!

Clicca Qui

 

NewsLetter
Iscriviti alla nostra newsletter cliccando sul tasto "registrazione" in alto a destra sul menù.
L'iscrizione è rapida e sono necessari pochi dati.
I dati inseriti non verranno divulgati in nessuno modo e serviranno esclusivamente a mantenere un'informazione costante con Voi a riguardo di Appuntamenti, nuove creazioni e tantissime novità che riguarderanno il 2012-2013!

Video

Presepi dal mondo


Fervono i preparativi nella sede dell’Associazione l’“Aquilone” di Farigliano, in via Torino 4, per l’inaugurazione di un appuntamento annuale divenuto, grazie al consenso di visitatori sempre crescente negli anni, un vero e proprio evento: la “Mostra Mercato di Presepi dal Mondo” giunta ormai alla sua 11^ edizione.

Con un allestimento continuamente rinnovato negli anni e con sempre nuovi arrivi, quest’anno novità provenienti Liberia, Kyrgyzstan, Lesotho, Honduras, da domenica 20 Novembre sarà possibile semplicemente ammirare o volendo acquisire, dietro contributo minimo, natività provenienti da ogni parte del mondo, presepi della tradizione locale, opere d’autore e sacre rappresentazioni artigianali di ogni dimensione e realizzati con i materiali più disparati, con una sezione dedicata ai carillon e alla palle di neve di ogni foggia e dimensione, che certamente affascineranno e conquisteranno i visitatori.

 La Mostra-Mercato si potrà visitare tutti i sabati, domeniche e festivi fino all’Epifania dalle ore 9 alle 12 e dalle 15 alle 19. A partire dall’8 dicembre aperto anche tutti i giorni feriali con orario 15-19. Domenica 4 dicembre, in occasione della “Fiera dei Puciu”, orario continuato dalle  ore 9 alle 19. Graditissimo ritorno, dopo la spettacolare performance dello scorso anno, dell’artista Barba Brisiu che stupirà i visitatori eseguendo una sua opera a tema natività scolpendo un tronco con la motosega.

Accanto alla mostra-mercato l’Aquilone metterà a disposizione uno spazio dedicato alla “Mostra Presepi d’Autore” dedicato ai presepi artigianali realizzati da associazioni e scuole, e da tutti coloro che vorranno partecipare all’iniziativa con la loro personale “opera”.

Non mancherà certo il negozio di artigianato sempre pronto ad offrire oggetti originali provenienti dal Brasile e idee regalo realizzate con la tecnica del decoupage su legno, carta e latta e la Menina di Natale, fiore all’occhiello delle volontarie per la pazienza e la dedizione che occorre nell’assemblare questa bambola, mix meraviglioso di bellezza e utilità, nata dall’originale idea di utilizzare due candidi asciugamani ospiti a formane il corpo, un canovaccio da cucina ricamato per volto e vestito e un’utile presina per il cappellino conico.

Si confezionano, inoltre, su ordinazione, cestini regalo di ogni dimensione ricolmi di prodotti alimentari biologici e del commercio equo-solidale: una scelta alternativa per lo scopo benefico a cui è destinata ma in grado di soddisfare per qualità e originalità ogni desiderio. Tutti gli oggetti sono disponibili nei quantitativi desiderati dietro previa ordinazione purché compatibile, nei tempi, con la realizzazione 

Alcuni esempi














    L'Associazione
    Nell’aprile 2002 nasce a Farigliano l’O.N.L.U.S l’Aquilone Farigliano.
    La nostra Associazione prende vita dalla voglia di un gruppo di persone, di aiutare un sacerdote monregalese,Padre Renato Chiera che da molto tempo opera in Brasile; ci siamo resi conto che il lavoro di questo sacerdote era troppo importante per essere lasciato da solo!!!
    Padre Renato si occupa di tanti bambini che vivono nel massimo degrado, nelle favelas delle belle e ricche città brasiliane. Bambini abbandonati sui marciapiedi, senza famiglia, senza casa, senza mezzi di sostentamento, oppure bambini sfruttati dalla delinquenza comune o dal più ricco e fiorente mercato della droga, o ancora bambini usati come passatempi sessuali, obbligati a vendere il loro corpo, per potersi sfamare.
    La nostra Associazione è formata da persone di tutte le età e di varia estrazione sociale.
    Padre Renato

    Renato Chiera è nato il 27 luglio 1942 a Roracco, frazione del comune di Villanova Mondovì, provincia di Cuneo, in una famiglia contadina, quinto di otto figli.
    Fin da bambino la sua fantasia lo porta a sognare di compiere viaggi in terre lontane per aiutare popoli meno fortunati. A 11 anni sente il desiderio di diventare sacerdote ma, per ben due anni, non sa come dirlo ai genitori.
    Entrato in seminario si distingue subito ed ottiene brillanti risultati, il 29 giugno 1967 è ordinato prete.
    Frequenta l’Università Cattolica di Milano e si laurea a pieni voti in filosofia; supera il concorso ed inizia ad insegnare storia della filosofia al Liceo classico di Mondovì e svolge il suo primo incarico di parroco alla periferia di Mondovì. In particolare si occupa dei giovani e degli studenti, con cui avvia un’esperienza di robusto cammino spirituale, culturale e sociale.
    L’esempio di Don Bosco ed il suo lavoro immerso nel mondo giovanile continuano ad affascinarlo, come già era successo da bambino.  Ottenuto il permesso dal vescovo, padre Renato, nel ’78, vola in Brasile, dove alla periferia di Rio de Janeiro la diocesi di Mondovì mantiene da tempo una presenza missionaria, a Nova Iguaçù, assumendo la responsabilità pastorale di due popolose parrocchie.
    Nella Baixada Fluminense, l’immensa e caotica zona alle spalle della metropoli carioca, viene a contatto con una dura realtà fatta di povertà e violenza. Non può fare il prete-becchino, di fronte ai troppi morti ammazzati per strada.
    Comincia così a denunciare la barbarie degli squadroni della morte che seminano vittime anche e sprattutto tra i ragazzi. Ben presto accoglie nella sua casa i bambini di strada e continua a gridare la sua rabbia.
    E’ costretto a nascondersi, gli sparano, piazzano alcune bombe nella sua casa, uccidono i suoi bambini.
    Don Renato non demorde. E’ tenace come i contadini della sua terra. Continua nella sua dura e coraggiosa avventura. Capisce che deve dare risposte concrete ed intelligenti.

    Fonda la “Casa do menor” che oggi conta più di 1000 bambini, 22 comunità, 3 asili, 6 scuole comunitarie, 14 officine professionalizzanti, 8 case-famiglia e 4 mini-ambulatori.